Agevolazioni Fiscali

Agevolazioni fiscali per le aziende

Il reverse charge IVA o inversione contabile è un particolare meccanismo di applicazione dell’imposta sul valore aggiunto (IVA) in cui l’obbligo dell’imposizione fiscale viene traslato dal venditore all’acquirente.

Il riferimento normativo del reverse charge IVA in Italia è rappresentato dall’articolo 17, commi 5 e 6 del dpr 633/1972 (c.d. «decreto IVA»). Recentemente proprio il d.p.r. 633/1972 è stato oggetto di un’ampia riforma per effetto dell’introduzione dello spesometro trimestrale per mezzo del D.L. 193/2016. Tale novità, tuttavia, non ha inciso sulla parte della normativa IVA relativa al reverse charge.

In termini pratici il reverse charge IVA rappresenta quel meccanismo tecnico contabile per effetto del quale:

  • il venditore emette fattura senza addebitare l’imposta (come normalmente dovrebbe fare);
  • l’acquirente integra la fattura ricevuta con l’aliquota di riferimento per il tipo di operazione fatturata e, allo stesso tempo, procede con la duplice annotazione nel registro acquisti (fatture di acquisto) e nel registro vendite (fatture emesse).

Agevolazioni fiscali per privati

Detrazione fiscale 50%

La legge di Bilancio 2017 (legge num 232 dell’11/12/2016) ha prorogato la detrazione fiscale del 50% fino al 31/12/2017.

Per un impianti di antifurto e videosorveglianza la legge prevede una detrazione fiscale de 50% per le suddette spese sostenute.

Se un impianto di antifurto o videosorveglianza è costato 10’000 euro, il 50% è 5’000 euro. Dato che le detrazioni devono essere spalmate per 10 anni, ogni anno potremmo detrarre 500 euro (5’000:10).

Chi può usufruire delle detrazioni:

il proprietario dell’ immobile in cui sarà installato l’antifurto ma anche il suo convivente o coniuge o parenti entro il terzo grado e gli affini entro il secondo grado;

  • usufruttuario;
  • nudo proprietario;
  • soci di cooperative divise e indivise;
  • imprenditori individuali, per gli immobili non rientranti fra i beni strumentali o merce;
  • soggetti indicati nell’articolo 5 del Tuir, che producono redditi in forma associata (società semplici, in nome collettivo, in accomandita semplice e soggetti a questi equiparati, imprese familiari), alle stesse condizioni previste per gli imprenditori individuali.

Iva agevolata 10%

Oltre alle detrazioni è prevista l’applicazione dell’ Iva Agevolata al 10% anzichè al 22%. In questo caso però non su tutta la spesa, ma sulla spesa relativa alla manodopera e per una spesa sul materiale pari all’ammontare della spesa per la manodopera.

Facciamo un esempio su un impianto di 10’000 IVA Esclusa per capire meglio:

PREVENTIVO DI SPESA

Descrizione IMPORTO IVA Esclusa Aliquota IVA
Installazione Impianto antifurto 2000,00 10 %
KIT Centrale antifurto 2000,00 10%
KIT Accessori antifurto 6000,00 22%

Con l’Iva Agevolata al 10% avremo quindi la manodopera con l’Iva al 10% + materiale per un valore paritario alla manodopera ed il rimanente con aliquota normale al 22%.